#Angolocurvy

Alle nostre lettrici,
ogni ragazza cela in sé allegria, creatività, passione e carattere. La storia di ognuna di voi è semplicemente unica e raccontarla vuol dire mostrare agli altri senza filtri quello che siete e il vostro modo di essere.

#Angolocurvy intervista a… Anna Pernice

Determinata, ambiziosa, dinamica, calda e appassionata. Una ragazza forte che sa come far sentire la sua voce e con un background di esperienze dal quale non possiamo fare altro che prendere spunto con tanta ammirazione.
Per la nostra rubrica #angolocurvy oggi c’è lei, Anna, per tutti i suoi follower @Anna_Pernice.
Anna Pernice

Chi è Anna oggi

Un’ottimista che affronta a testa alta ogni sfida, di sicuro, sempre con un sorriso sulle labbra e con una forte passione. Un lato sempre presente del mio carattere e un elemento fondamentale, perché c’è in ogni cosa che faccio.
Napoletana, 37enne attualmente “trapiantata” a Milano. Alle spalle ho una laurea in Scienze della Comunicazione con indirizzo in Comunicazione Istituzionale e d’Impresa, un corso di alta formazione in Fashion Management alla Bocconi di Milano e tre master online del Sole24Ore, sempre orientati al marketing e alla comunicazione digital e non.
Durante i miei percorsi ho sempre affiancato pratica e teoria cercando di creare un bagaglio di conoscenze che mettesse in relazione tutti gli aspetti legati al mio lavoro. Prima grazie al mio trascorso nelle aziende del sud e poi, in seguito, al mio lavoro come blogger, giornalista pubblicista e comunicatrice qui a Milano.

“Un cammino in comunicazione iniziato con gli studi, ma una passione innata per la scrittura”

Senza dimenticare l’esperienza come autrice che mi ha portato in primis alla stesura del mio libro “Manuale per aspiranti blogger. Crea emozioni con lo storytelling”, giunto già alla sua seconda edizione, e in seguito all’audiobook “Ti porto in viaggio. Napoli: 10 luoghi da brivido” dedicato alla mia città, al suo lato esoterico e ai sui segreti.

“Oltre la scrittura, una passione senza tempo né confini per la moda, anche prima del mio blog”

Oltre che di scrittura sono appassionata di viaggi e innamorata dello shopping. Mi piace scegliere gli outfit perfetti per ogni occasione e spesso, prima di un viaggio, osservo luoghi e paesaggi per creare look ad hoc che possano abbinarsi e risaltare al meglio.
Prendersi cura di sé è importante. Molti optano solo per la comodità, io preferisco coniugare questo aspetto con l’essere al top perché l’una cosa, a mio parere, non esclude l’altra.

Ispirazioni…

Un modello che sicuramente mi ha ispirato tantissimo è stata Frida Kahlo. Per me lei è l’esempio lampante di una donna che aveva un obiettivo e lo ha raggiunto mettendo in campo tutte le sue forze. Di sicuro è la mia musa.
Anche io, come lei, mi sono sempre posta tanti obiettivi e sono sempre stata una persona determinata con l’aggiunta (che non guasta mai n.d.r.) della capacità di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno. Un difetto che riconosco, però, di avere è quello di essere sempre iperattiva, tenendo ritmi insostenibili che non sempre mi consentono di riuscire a conciliare lavoro e affetti.
Nella realtà, poi, più che una persona, ad ispirarmi sono stati una serie di eventi susseguitisi nella mia vita, come la rottura di una storia molto importante. Da qui ho riesaminato e rivisto la mia vita non voltando pagina, ma chiudendo definitivamente un libro per guardare oltre e scriverne un altro, ricominciando da zero.

Esperienze…

Premetto che sono sempre stata una ragazza curvy, anche se faccio tanto sport e tanta palestra mi è difficile dimagrire. Quando ero piccola ne soffrivo tanto perché mi prendevano in giro e, quindi, mi sentivo un po’ un brutto anatroccolo.

“Ho iniziato a valorizzarle e a portare con fierezza le mie curve”

Andando avanti e crescendo ho iniziato a capire che in realtà le curve piacciono eccome! Non nascondo più il mio corpo, non mi creo più problemi quando devo postare una foto in costume sul mio profilo Instagram, né tantomeno vivo male le mie curve perché ho imparato ad apprezzarle.
Anna Pernice

Perché nasce TravelFashionTips

Il blog nasce per esternalizzare le mie passioni.

“Scrivere mi rilassa tantissimo”

Avendo lavorato in aziende moda, anni fa iniziai a conoscere le prime blogger e a collaborare con loro, così decisi di aprire anche io un mio blog per avere uno spazio in cui raccontarmi dato che ho sempre avuto la passione per la scrittura.
Quando ho iniziato a scrivere per il mio blog, i blogger non erano famosi, non c’era la percezione del fatto che con un blog si potesse guadagnare, quindi lo si faceva per pura passione.
Amo viaggiare, mi è sempre piaciuto organizzare viaggi, gli amici mi chiedevano sempre consigli, costruisco itinerari, e quindi ho deciso di raccontare di tutto questo anche al web.

“Lì, mi si è aperto un mondo”

A poco a poco il blog è cresciuto e sono iniziati ad arrivare i primi contatti con le aziende.
Oltre 3 anni fa mi ha contattato Vueling invitandomi per un meeting a Roma con altri travel blogger, un’occasione che mi ha aperto un mondo perché lì ho scoperto come, con un blog di viaggi, si potesse guadagnare.
Ho iniziato a viaggiare per lavoro, non solo più per piacere, una delle mie passioni è diventata il mio lavoro.

La moda per Anna è…

Stare bene con sé stessi ed esprimere la propria personalità.

La moda curvy e le modelle curvy per Anna

È giusto valorizzare le donne curvy con la moda curvy perché bisogna dire basta a modelli irreali e senza curve.
L’exploit delle modelle curvy è un bene. Spesso in passerella vediamo modelle senza seno né curve, lo stesso accade nei negozi. In egual modo abiti e costumi provati da una donna che ha seno e fianchi non riflettono una buona vestibilità. È stupendo capire che, invece, bisogna valorizzare un bel decolté.

La vita di una donna curvy

La vita di una donna assolutamente normale. Nei negozi ci sono ovviamente capi che possono starmi bene o meno. Lì sono io a dover capire cosa mi sta bene, quando e come.
Per questo cerco di comprare sempre abiti che valorizzano il mio fisico. Non si compra un capo d’abbigliamento solo perché va di moda, dobbiamo anche guardare alla vestibilità dell’abito sul nostro corpo

Il significato di curvy, quindi, per Anna è…

Curvy, per me, è avere curve da mostrare e da valorizzare anche praticando sport, perché è importante avere cura del proprio aspetto e stare bene nel proprio corpo.
Credo che a volte ci sia un po’ un’esasperazione della parola curvy. A mio parere l’essere curvy vuol dire essere in carne e bisogna fare una distinzione tra il curvy bello da vedere (inteso come l’essere leggermente in sovrappeso) e l’obeso. Spesso nella definizione di curvy si confondano le due cose.

La donna per Anna è bella se…

È bella quando ha cura di sé stessa e si vuole bene.

In un mondo perfetto

In un mondo perfetto ognuno accetta sé stesso e gli altri senza pregiudizi di peso, taglia, colore o religione.

 “Ognuno è diverso e accettare la diversità sarebbe il top”

Nel mondo imperfetto in cui viviamo questo, però, non avviene. Purtroppo, ancora non c’è questa visione.

La citazione preferita di Anna

 Una che mi viene di botto così è di Liga:

“Il meglio deve ancora venire”

Anna Pernice

Il consiglio di Anna alle Fattifatty Girls che seguono il nostro #angolocurvy

“Siate determinate, ponetevi degli obiettivi e cercate di raggiungerli senza, però, trascurare gli affetti perché anche quelli sono importanti. Non odiate il vostro corpo che magari non è come quello delle modelle perché non bisogna essere una taglia 40 per essere belle, lo si è anche con un fisico in carne sano e sodo, tutto sta nel portare con eleganza il proprio corpo”