Outfit da lavoro: top, flop e nuance!

Dal “Thank’s God it’s Friday!” al “Oddio è lunedì!” è un attimo!

Immagina la scena:

Sei appena sveglia, ti stiracchi (e pensi che ami il binge watching/l’aperitivo tramutato in cena e post cena, ma è l’ultima volta giuro!), prendi il telefono, guardicchi le notifiche del mondo social, controlli le news, ti alzi e, al contempo, passando davanti al tuo armadio pensi: “E adesso? Cosa mi metto?”
L’outfit da lavoro, una delizia quando la sera, prima di andare a dormire, riesci a scegliere con calma e pace cosa indossare per l’occasione, letteralmente una “botta in fronte” quando non hai avuto il tempo di organizzare nulla e resti bloccata un po’ come Lucy a Narnia, solo che in questo caso sei “Tu, l’outfit da lavoro (peggio ancora se è lunedì mattina) e l’armadio”. Bando alle ciance, quindi, essendo stanche di questo blocco, abbiamo deciso di stilare una piccola lista di consigli per evitare di perdere tempo ed essere sempre al top con mise e colori must have per il perfetto outfit da lavoro.

Carattere, professionalità e stile

Può sembrare un gioco, ma il look lavorativo che scegliamo è il nostro biglietto da visita e ci aiuta a comunicare valori, carattere e personalità. Di fatto, anche in questo caso c’è una sorta di dress code non scritto che va tenuto a mente per scindere il top dal flop.
outfit da lavoro

Il top

Qualora si svolga un lavoro da ufficio o meno, il range del top ci permette di spaziare ampiamente:
  • gonne a ruota (andate sotto al ginocchio, il midi e i mini dress non sono indicati);
  • camicia (attenzione alla scollatura, è lei a marcare il confine tra top e flop);
  • giacca bolero e non (semplicemente un must);
  • pantaloni a sigaretta o a palazzo (no jeans);
  • blazer;
  • scarpe chiuse (stringate e tronchetti, con tacco e tacco basso, solo in alcuni casi le sneakers)
  • make up nature (palette nude);
  • accessori (sì se abbinati con gusto, senza esagerare con le grandezze).
  • borsa capiente o, nel caso servisse la valigetta ventiquattrore, una piccola.
outfit da lavoro

Il flop

I capi del range flop sono un classico e intramontabile no ai contesti formali, diciamo pure che se cadete in questi errori state perseverando a priori:
  • shorts (aboliti e no, il caldo non è una scusa);
  • camice scollata o trasparente;
  • gonna midi (la coscia libera esula dal contesto lavorativo);
  • scarpe aperte (diciamo che il piede nudo non è proprio adatto in un contesto lavorativo);
  • make up marcato (il rosso fuoco, lo smokey nero riservatelo per la sera);
  • pochette (borsa piccola, ragazze, piccola, non pochette).

La nuance perfetta per l’outfit da lavoro? Il verde petrolio!

Una tonalità così sofisticata e chic, tanto da diventare perfetta sostituta del nero e attuale sinonimo indiscusso di eleganza: il verde petrolio. Incantevole se abbinato con il cammello e il cuoio, superlativo con il grigio (meglio se silver) e armonioso se indossato in un look con accessori tono su tono. Nata alla fine degli anni 50, la nuance brillante e intensa è perfetta per dare quel tocco in più (che non guasta mai) nel tuo armadio invernale. Le parole d’ordine per poter sfoggiare il verde petrolio? Senza dubbio, sicurezza e disinvoltura. Non è facile da interpretare, ma si presta davvero alla perfezione per look legati al contesto lavorativo. A metà strada fra il verde smeraldo e il blu oltremare è un colore che, step by step, si è guadagnato il suo posto nell’olimpo dei must have di stagione.