Mantelle e soprabiti, ecco i plus per l’outfit del Natale 2018!

Dal classico aperitivo di Natale con gli amici, al pranzo con i parenti e alle serate passate tra feste, dolciumi e baldoria, mantelle e soprabiti per questo Natale 2018 la fanno da padrone, raffigurando il plus che caratterizza e differenzia il tuo outfit natalizio.

 Semplicemente, evergreen

Un punto fermo della moda femminile e (agli albori esclusivamente) maschile, un evergreen che si rinnova in colori, taglio e stile, adattandosi a ogni tempo: il soprabito. Capo avvolgente per eccellenza, ci ripara dal freddo e impreziosisce l’outfit più semplice, donando il tocco chic, casual o particolare che mancava.
 
Visualizza questo post su Instagram
 

Calda, avvolgente e dallo stile unico. ? • Vieni a scoprire la nuova #mantella biscotto in edizione limitata.

Un post condiviso da FattiFatty (@fatti_fatty) in data:

Un salto nel passato, dalla moda maschile alla moda femminile

Francia (precisamente) XVIII secolo, gli uomini nobili e i ricchi borghesi li riconosci subito, sfoggiano la marsina, il soprabito ricamato che ultima il completo maschile a tre pezzi. Poco dopo (1840), dalla sua forma lunga e affusolata, gli inglesi tirano fuori un nuovo modello di marsina, la redingote (in origine riding-coat, testualmente, mantello per cavalcare o, più presumibilmente, raining coat, mantello da pioggia). Un capo a metà tra la mantella e il capotto aderente in vita, legato davanti, fluido in basso e totalmente privo di decori.
Dalla caratterizzazione della moda maschile, la redingote si sposta a quella della moda femminile, entrando di diritto nello status di capo d’abbigliamento. Nei primi anni dell’Ottocento fa la sua comparsa la doglietta, il capo è un cappotto a vestaglia dal tessuto pregiato, spesso arricchito da imbottiture o pellicce.
Da questo modello in poi la scalata di mantelle e soprabiti nell’olimpo della moda è inarrestabile. Negli anni 30’ la Haute Couture di Parigi si spinge verso i modelli che valorizzano le spalle, viceversa negli anni 40’ appaiono modelli più squadrati, persino Christian Dior con il suo New Look (fine anni 40’) li reinterpreta con i manteux, ancora indimenticabili i modelli mini e folk degli anni 60’ e 70’, fino all’iconico modello 101801 di Max Mara creato da Anna Maria Beretta nel 1981.
mantelle e soprabiti

Il tuo plus per l’outfit natalizio

Il Natale 2018 non è fatto per piumini e giacche imbottite, ma per mantelle e soprabiti, quindi armatevi di raffinatezza e attenzione ai piccoli dettagli. Il cenone di Natale, anche se passato in famiglia, predilige un dress code e, siccome gli impegni in questo periodo si moltiplicano, accorriamo in vostro soccorso dandovi idee e spunti per un outfit natalizio impeccabile.

L’aperitivo con gli amici

Per orario e occasione è un po’ la Terra di Mezzo dove si possono scontrare la voglia di casual e comodità e l’irresistibile richiamo delle paillettes. Noi vi consigliamo:
  • gonna a ruota o pantalone con golfino dolcevita (informale, ma allo stesso tempo bon ton), tronchetto dal tacco midi (50/60), calze semplici (no ai ricami), make up nude con tocco di rossetto rosso, accessori minimal, mini bag a tracolla (la pochette alle 18:00, ma anche no) e, immancabile per caldo e tocco d’eleganza, soprabito o mantella con sciarpone avvolgente.

Il cenone di Natale

Ovvero, una guerra tra voi e la comodità post pranzo. Si, avere un look elegante non vuol dire stare scomoda, quindi per l’occasione vi consigliamo:
  • pantalone o gonna a ruota con camicia sblusata a manica lunga e larga (più bella se con effetto scollatura vedo non vedo), décolleté con tacco importante, ma non eccessivo (80/90), smokey leggero con rossetto d’impatto, accessori minimal, maxi bag elegante o pochette e, senza dubbio, soprabito o mantella con pashmina particolare.

Il nostro evergreen: la mantella FattiFatty

Oggi mantelle e soprabiti sono un must che designano stile e carattere del look di ognuna di noi. Ecco perché abbiamo voluto introdurre questo capo nelle nostre collezioni dando forma alla nostra idea di evergreen.